Raccolta fondi: una cena “stellare” per Emilio.

23 Giu , 2024 - Eventi

Raccolta fondi: una cena “stellare” per Emilio.

Cinque chef stellati, una location da sogno e l’impegno della famiglia Vigolungo che ha saputo trasformare il proprio dolore in iniziative sul territorio, con l’obiettivo comune di raccogliere fondi a favore della ricerca sui tumori cerebrali.

Sono questi gli elementi chiave che hanno dato vita a un evento, andato sold-out in pochi giorni, in memoria di Emilio Vigolungo, imprenditore piemontese scomparso nel 2023 per un glioblastoma.

La partita più bella del mondo ha preso il via nel cuore delle Langhe, al famoso ristorante 21.9 nella Tenuta Carretta di Piobesi d’Alba (CN) con la cena “stellare” di giovedì 13 giugno, dove al padrone di casa – lo chef Flavio Costa – si sono unite quattro star della cucina che hanno completato una squadra di eccellenze del territorio: Ugo Alciati, Davide Palluda, Massimo Camia e Fulvio Marino.

Alla cena hanno partecipato oltre 200 persone tra ospiti e amici, grazie ai quali sono stati raccolti circa 25.000 euro a favore di Cancersucks.

 «Per la nostra famiglia aiutare Cancersucks sta diventando una missione, ma anche una consolazione dopo quello che è successo a nostro fratello» ci spiega commossa Vera Vigolungo, sorella dell’imprenditore. «Non dimenticheremo tanto facilmente questa serata. Emilio era una persona che non voleva mai andare a dormire, che in serate come queste continuava a chiacchierare, a ballare, a ridere e a scherzare. Ecco, questa sera Emilio l’ho sentito davvero nell’aria».

Ma Emilio Vigolungo era anche un appassionato di sport con un debole per il football.

Così, anche la domenica successiva, 16 giugno, il suo ricordo è tornato “in campo” grazie a due match sul rettangolo d’erba. Il primo, un’amichevole fra i ragazzi provenienti da sei ospedali italiani e la consegna del premio Alter Ego assegnato dallo scrittore Luca Bianchini e dal panificatore Fulvio Marino. Il secondo, un vero e proprio Torneo Memorial dedicato a Emilio.

Le quattro squadre che si sono contese il titolo erano formate da amici, cantanti, ex calciatori e personaggi del mondo dello spettacolo. Si sono visti in azione sul terreno di gioco la band Eugenio In Via di Gioia, Pietro Morello, Hernanes, Fulvio Marino, il governatore del Piemonte Alberto Cirio, ex giocatori del Torino e molti altri ancora.

E anche il Trofeo-premio è stato un omaggio a Emilio. Realizzato in multistrato di pioppo (che è un prodotto dell’azienda di famiglia per cui l’imprenditore prematuramente scomparso nutriva una sincera passione) è stato disegnato e realizzato da Gianluca Bagnasco.

«E’ stata una gioia per noi far conoscere Cancersucks a tutti i nostri amici» ci dice Stefano Vigolungo, fratello di Emilio. «Questo progetto è solo l’inizio di un percorso che, con la mia famiglia, abbiamo deciso di intraprendere. Fare del bene fa star bene, quindi ci saranno sicuramente altri eventi di raccolta fondi. Quando domenica durante la partita ho visto tanti ragazzi con la vostra maglietta gialla e ho pensato che Emilio sarebbe stato fiero di quello che siamo riusciti a fare seguendo le sue orme». 


,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *